APPUNTAMENTO CON LA MUSICA

Indiferencia (1942)

 

Música: Rodolfo Biagi

 Letra: Juan Carlos Thorry

rodolfo biagi

Informazioni sul Brano: Indiferencia

Il testo, scritto da Juan Carlos Thorry per Rodolfo Biagi, racconta il tema della delusione, dello sconforto per l’indifferenza di quelli che un tempo erano amici, persone vicine.

Qualcuno pensa che Biagi l’abbia dedicata a D’Arienzo, nel 1942 per la fine del loro rapporto, mentre altri parlano della possibile relazione tra Biagi ed Evita Peron, che in quel tempo conobbe  a Radio Belgrado dove la donna stava lavorando come attrice di romanzi insieme al cantante di tango Augustin Magaldi.

I due si frequentarono come amici ma poi gli impegni politici di Eva Duarte la allontanarono dall’amicizia con il pianista.

Il brano inizia con un marcato in 4 che lascia poi spazi alla marcazione del dos por cuatros tipica di Biagi, spostando cioè gli accenti sui tempi deboli del 2 e del 4.

Facile riconoscere e apprezzare gli staccati del pianoforte tra una frase e l’altra che arrivano a preparare l’ingresso del cantante, precedendolo da sincopi.

A questo punto la melodia si appoggia sul ritmo incalzante del bandoneon, al quale, al secondo passaggio, si aggiungono i violini, mentre il piano crea sempre le sue “campanitas” che si distaccano dall’orchestra.

Finito il cantato, continua l’orchestra con i violini stridenti che conducono ad un finale dal carattere violento, di grande impatto e con sconcertante effetto a singhiozzo .

Versione dell’Orchestra Rodolfo Biagi y Jorge Ortiz (1942)

Testo del brano il lingua madre: Indiferencia

Yo también como todos un día

tenía dinero, amigos y hogar.

Nunca supe que había falsía,

que el mundo sabía también traicionar.

Pero cuando a mi vida tranquila

llegó la primera terrible verdad

busqué apoyo en aquellos que amaba

y crueles me dieron soledad.

Ilusión que viviendo latente

pasó entre la gente y pura siguió;

ilusión, hoy te busco y no estás,

ilusión, no te puedo encontrar.

Mi pasado sucumbe aterido

temblando en el frío

de mi vida actual…

Y los años, pasando y pasando,

me están reprochando

porque no hice mal.

Si la vida pasó por tu lado

dejando tronchado tu sino y tu fe,

la maldad que truncó tu camino

pondrá en tu destino de amores la sed.

Pero cuando, vencido y cansado,

tu pecho agobiado requiera bondad,

volverá la cabeza la gente

dando indiferente soledad.

Testo del brano tradotto: Indifferenza

Anche io come tanti un giorno

ebbi soldi, amici e una casa.

Non ho mai saputo che c’era falsità,

che il mondo sapeva anche tradire.

Ma quando nella mia vita tranquilla

arrivò la prima terribile verità

cercai sostegno in quelli che amai

e mi diedero solo solitudine.

Illusione che vivendo latente

passò tra la folla e continuò pura

illusione, oggi ti cerco e non ci sei,

illusione, non ti posso trovare.

Il mio passato soccombe intirizzito

tremando nel gelo

della mia vita attuale…

E gli anni, passando e passando,

mi stanno rimproverando

perché non feci del male.

Se la vita passò al tuo fianco

lasciando monchi il tuo destino e la tua fede

il male che troncò la tua strada

metterà la sete d’amore nel tuo destino.

Però quando, vinto e stanco,

il tuo petto travolto chiederà gentilezza,

la gente girerà la testa

indifferente lasciandoti solo.

Versione dell’Orchestra Juan D’Arienzo y Alberto Echague (1938)

Questa rappresenta l’altra versione degna di nota, molto apprezzata ed è la prima che venne incisa.

Condividi